Centro di Oncologia di Precisione

Cos'è l'Oncologia di Precisione

Identificare e colpire esattamente quel tumore, con le sue specifiche caratteristiche che lo rendono geneticamente unico, diverso dal tumore di un'altro Paziente, anche se colpisce lo stesso organo.
Questo è l'obiettivo dell'Oncologia di Precisione, capace di individuare le singolarità genetiche dei diversi tipi di tumore, attraverso Test Genetici adeguati, per impostare la cura in rapporto alle esigenze di ogni Paziente.
L’Oncologia di Precisione cambia dunque il concetto di appropriatezza, diventa cioè necessario verificare a livello genetico e molecolare le caratteristiche specifiche del tumore, affinchè il Paziente riceva la terapia più indicata, evitando trattamenti inutili, dannosi, e le conseguenti tossicità.



Test Genetici

I Test Genetici, svolti presso il laboratorio Oncologica, sito nel prestigioso Chestford Research Park di Cambridge, Regno Unito, forniscono una Profilazione Molecolare del DNA del tumore che permette di identificare con precisione quale tra le centinaia di terapie mirate esistenti abbia la più alta probabilità di avere successo su un determinato paziente.
Le terapie mirate offrono una ulteriore opzione terapeutica rispetto ai farmaci chemioterapici. In tutto il mondo vengono utilizzate con risultati spesso straordinari, sia nei pazienti ai primi stadi della malattia sia in quelli nelle fasi più avanzate.

Il test del DNA tumorale può aumentare la probabilità di identificare un nuovo ed efficace trattamento fino al +90%.



Perche una Seconda Opinione

Capire perché un trattamento è necessario, se è scientificamente fondato, quali sono i benefici che possono conseguirne, come potrebbe evolvere il quadro clinico, quali sono le probabilità di guarigione ed i rischi cui si va incontro seguendo un certo trattamento è l'obiettivo della Second Opinion.
Si verifica spesso infatti, nei diversi momenti della storia clinica del Paziente, che vi siano dubbi, perplessità, incertezze, rispetto alla terapia in corso, ma anche rispetto al reale quadro clinico dovuto a diverse cause (tempi ospedalieri troppo brevi, incomprensioni od incompatibilità Medico/Paziente).
In queste occasioni, il paziente ed i suoi familiari, possono desiderare un confronto alternativo, da un diverso Specialista, non necessariamente difforme dal precedente.
Diversi studi hanno peraltro dimostrato che il Clinico migliora la sua accuratezza diagnostica e terapeutica quando sa della possibilità che lo stesso caso venga sottoposto a un altro Medico.


PiPac (Pressurized IntraPeritoneal Aerosol Chemotherapy)

La PIPAC (Pressurized IntraPeritoneal Aerosol Chemotherapy) è una tecnica innovativa per la somministrazione di farmaci chemioterapici all’interno della cavità addominale tramite l’utilizzo della chirurgia mininvasiva laparoscopica; questo approccio è riservato a pazienti affetti da patologie neoplastiche in stadio avanzato che presentano metastasi peritoneali (carcinosi peritoneale).

Possono essere trattate potenzialmente tutte le carcinosi peritoneali. La letteratura scientifica offre solide evidenze per il trattamento del versamento peritoneale da tumori dello stomaco, del colon e del retto, dell’appendice, di utero e ovaio; interessanti risultati sono segnalati anche per i tumori delle vie biliari e del pancreas.

Il peritoneo è una membrana sierosa mesoteliale, sottile e quasi trasparente, che costituisce il rivestimento della cavità addominale e di parte di quella pelvica (peritoneo parietale) e ricopre anche gran parte dei visceri contenuti al suo interno (peritoneo viscerale), fissandoli al contempo alle pareti della cavità. In altre parole il peritoneo è la “sacca” che mantiene insieme il contenuto del alto e basso ventre.

Il coinvolgimento del peritoneo è sempre indice di una malattia tumorale avanzata e spesso ne rappresenta lo stadio terminale. Il peritoneo, peraltro, è considerato un “santuario farmacologico” in quanto scarsamente raggiungibile dai farmaci chemioterapici endovenosi a causa della bassa vascolarizzazione dello stesso tessuto. Un eventuale fallimento di una terapia di prima scelta comporta una crescente inefficacia nelle terapie di seconda e terza linea.

Negli ultimi decenni si è quindi affermata sempre di più la chirurgia citoriduttiva associata a chemioterapia intraoperatoria (HIPEC) che rimane limitata a centri specializzati quali il centro della Clinica Sanatrix e pazienti selezionati; si tratta di interventi chirurgici estremamente demolitivi che possono essere gravati da complicanze ma che, nonostante la loro invasività, possono dare una chance di sopravvivenza e non solo di miglioramento della qualità di vita – come si è detto - in casi selezionati.

La PIPAC, al contrario, prevede un accesso chirurgico mininvasivo, laparoscopico, con due piccole incisioni sulla parete addominale; prima si procede alla valutazione dell’estensione della malattia e si eseguono biopsie per valutare istologicamente la risposta ai precedenti trattamenti. Dopo queste operazioni preliminari si introduce, attraverso l’accesso laparoscopico un microiniettore collegato ad una pompa ad alta pressione di tipo angiografico; è questo il sistema che permette la creazione dell’aereosol di farmaco che viene diffuso nella la cavità addominale. Alla fine della nebulizzazione del chemioterapico si aspettano 30 minuti per dare il tempo alle microparticelle di farmaco di depositarsi sull’intera superficie del peritoneo grazie all’azione della pressione intraddominale creata durante la procedura laparoscopica (pneumoperitoneo). In questa maniera il farmaco può penetrare nei tessuti anche per oltre 2 mm e fino a 5 mm. Alla fine si evacuano i gas in un sistema di filtraggio a circuito chiuso.

La nebulizzazione del farmaco e l’azione di diffusione del pneumoperitoneo incrementano la penetrazione intracellulare ed interstiziale dei chemioterapici potenziandone l’attività già a basso dosaggio. Infatti, le dosi utilizzate sono circa un decimo (10%) di quelle utilizzate per la via sistemica endovenosa. L’incidenza di effetti collaterali tipici dei chemioterapici quali la perdita dei capelli, la neurotossicità periferica, la cardiotossicità, la nausea e la mielodepressione è praticamente assente.

La procedura può essere ripetuta a distanza di 6-8 settimane, fino anche a sei cicli, in base al tipo di tumore e alla finalità del trattamento.

La PIPAC trova attualmente la sua principale indicazione nel trattamento palliativo delle carcinosi peritoneale, specialmente se associata ad ascite refrattaria, incidendo significativamente sulla progressione della metastasi peritoneali e quindi sulla riformazione dell'ascite e sulla qualità di vita del paziente.

Più recentemente si sta affermando il suo utilizzo anche come trattamento neoadiuvante, associato alla chemioterapia sistemica tradizionale, per quei pazienti non candidabili in prima battuta ad un intervento chirurgico di debulking (citoriduzione con peritonectomia).

In conclusione, la PIPAC è una tecnica semplice, ripetibile, gravata da minimi effetti collaterali, comporta brevi tempi operatori, circa 50-60 minuti complessivi, e richiede una degenza post-operatoria di due giorni. Attualmente viene praticata in vari centri che si occupano di malattia neoplastica del peritoneo in Italia, tra cui la Clinica Sanatrix con la Equipe dei Professori Lirici e Del Bianco, con incoraggianti risultati in termini di miglioramento della qualità di vita e stabilizzazione della malattia neoplastica in fase avanzata.


L'Importanza della Prevenzione

La Prevenzione ci consente di vivere bene e più a lungo; la Prevenzione salva la vita impedendo l’insorgenza di una malattia o ritardandone l’evoluzione. La Prevenzione evita anche la sofferenza e l’utilizzo di farmaci spesso debilitanti.

La Prevenzione, dunque, è un concetto molto ampio nel quale possono essere inserite anche le abitudini quotidiane che contribuiscono a migliorare la qualità della vita, ma queste attenzioni non sono le uniche alleate per la nostra salute.
Controlli e visite di tipo preventivo hanno assunto negli anni un ruolo sempre più importante nella lotta i tumori.
Per questo la Clinica Sanatrix, grazie alla innovativa TC Multistrato a disposizione, ha perfezionato dei percorsi di Prevenzione Oncologica che consentono un più veloce e dettagliato controllo del proprio corpo.


Cos'è l'Oncologia di Precisione


Identificare e colpire esattamente quel tumore, con le sue specifiche caratteristiche che lo rendono geneticamente unico, diverso dal tumore di un'altro Paziente, anche se colpisce lo stesso organo.
Questo è l'obiettivo dell'Oncologia di Precisione, capace di individuare le singolarità genetiche dei diversi tipi di tumore, attraverso Test Genetici adeguati, per impostare la cura in rapporto alle esigenze di ogni Paziente.
L’Oncologia di Precisione cambia dunque il concetto di appropriatezza, diventa cioè necessario verificare a livello genetico e molecolare le caratteristiche specifiche del tumore, affinchè il Paziente riceva la terapia più indicata, evitando trattamenti inutili, dannosi, e le conseguenti tossicità.


Test Genetici

I Test Genetici, svolti presso il laboratorio Oncologica, sito nel prestigioso Chestford Research Park di Cambridge, Regno Unito, forniscono una Profilazione Molecolare del DNA del tumore che permette di identificare con precisione quale tra le centinaia di terapie mirate esistenti abbia la più alta probabilità di avere successo su un determinato paziente.
Le terapie mirate offrono una ulteriore opzione terapeutica rispetto ai farmaci chemioterapici. In tutto il mondo vengono utilizzate con risultati spesso straordinari, sia nei pazienti ai primi stadi della malattia sia in quelli nelle fasi più avanzate.

Il test del DNA tumorale può aumentare la probabilità di identificare un nuovo ed efficace trattamento fino al +90%.



L'importanza della prevenzione

La Prevenzione ci consente di vivere bene e più a lungo; la Prevenzione salva la vita impedendo l’insorgenza di una malattia o ritardandone l’evoluzione. La Prevenzione evita anche la sofferenza e l’utilizzo di farmaci spesso debilitanti.
La Prevenzione, dunque, è un concetto molto ampio nel quale possono essere inserite anche le abitudini quotidiane che contribuiscono a migliorare la qualità della vita, ma queste attenzioni non sono le uniche alleate per la nostra salute.
Controlli e visite di tipo preventivo hanno assunto negli anni un ruolo sempre più importante nella lotta i tumori.
Per questo la Clinica Sanatrix, grazie alla innovativa TC Multistrato a disposizione, ha perfezionato dei percorsi di Prevenzione Oncologica che consentono un più veloce e dettagliato controllo del proprio corpo.


Perche una Seconda Opinione

Capire perché un trattamento è necessario, se è scientificamente fondato, quali sono i benefici che possono conseguirne, come potrebbe evolvere il quadro clinico, quali sono le probabilità di guarigione ed i rischi cui si va incontro seguendo un certo trattamento è l'obiettivo della Second Opinion.
Si verifica spesso infatti, nei diversi momenti della storia clinica del Paziente, che vi siano dubbi, perplessità, incertezze, rispetto alla terapia in corso, ma anche rispetto al reale quadro clinico dovuto a diverse cause (tempi ospedalieri troppo brevi, incomprensioni od incompatibilità Medico/Paziente).
In queste occasioni, il paziente ed i suoi familiari, possono desiderare un confronto alternativo, da un diverso Specialista, non necessariamente difforme dal precedente.
Diversi studi hanno peraltro dimostrato che il Clinico migliora la sua accuratezza diagnostica e terapeutica quando sa della possibilità che lo stesso caso venga sottoposto a un altro Medico.


Video correlati

 

L'Oncologia di Precisione

 

Articoli correlati


2 Luglio 2022

Convegno oncologia

Il prossimo 7 Luglio si terrà presso la Casa di cura Sanatrix un convegno riguardante l'oncologia e le sue evoluzioni terapeutiche.
4 Maggio 2022

PiPac (Pressurized IntraPeritoneal Aerosol Chemotherapy)

P.I.P.A.C.. Pressurized IntraPeritoneal Aerosol Chemotherapy. Una valida opzione terapeutica per le carcinosi peritoneali non operabili.
19 Gennaio 2022

Prevenzione Oncologica. Tumore al Seno (video)

La Dott.ssa Antoinette Moscone, Medico Radiologo, specialista in diagnostica senologica, sottolinea l'importanza della Prevenzione Oncologica contro il Tumore al seno.

Medici al servizio del Centro

DR. SERGIO DEL BIANCO

Medico Oncologo

PROFILO


Si laurea all’Università Statale di Milano nel 1980. Si specializza in Oncologia Medica a Pavia nel 1986, perché intuisce nell’utilizzo di farmaci nella cura dei tumori la nuova frontiera del trattamento dei tumori. Non più cure oncologiche legate solo alla chirurgia, con i suoi limiti, ma terapie personalizzate, a misura di paziente.

Per approfondire e rafforzare la formazione oncologica, svolge il tirocinio presso la divisione Oncologica dell’ospedale Fatebenefratelli di Milano. La divisione è strettamente collegata all’Istituto Nazionale Tumori ed è diretta dal Professor G. Bonadonna, indiscusso Pioniere Mondiale della Chemioterapia Antitumorale.

Le proprie conoscenze mediche, acquisite in anni di studio, lavoro ed importanti risultati ottenuti, si focalizzano sul paziente come singolo individuo e non come un percorso di cura generico.



Come contattarci

Via di Trasone, 61 - 00199 Roma
+39 06 86321981
info@clinicasanatrix.com

Lunedì — Venerdì: 7.30 — 20.00
Sabato: 7.30 — 14.00
Domenica: chiuso
Ricoveri H 24

    Via di Trasone, 61 - 00199 Roma

    +39 06 86321981

    info@clinicasanatrix.com

    Lunedì — Venerdì: 8.00 — 20.00

    Sabato: 8.00 — 20.00

    Domenica: 8.00 — 13.00 (solo Radiologia)

    Ricoveri H 24

      Sanatrix a casa Vostra

      Sanatrix a casa Vostra

      Servizio a domicilio


      SANATRIX mette a disposizione tutti i suoi servizi direttamente presso il domicilio del Paziente.
      Le visite e gli esami diagnostici vengono eseguiti con strumentario e materiali portatili, permettendo la stessa qualità dei nostri ambulatori.



      Servizio a domicilio



      SANATRIX mette a disposizione tutti i suoi servizi direttamente presso il domicilio del Paziente.
      Le visite e gli esami diagnostici vengono eseguiti con strumentario e materiali portatili, permettendo la stessa qualità dei nostri ambulatori.

      Visita i Centri Specializzati

      Percorsi di Salute e Prevenzione

      Visita i Centri Specializzati

      Percorsi di Salute e Prevenzione